Gen 16

Referendum CCNL Ferrovieri, vince il SI con l’84,9%

referendumDopo la sigla dell’ipotesi di accordo del 16 dicembre 2016, i lavoratori con l’84,9% di SI hanno espresso il proprio giudizio sui contenuti dell’intesa raggiunta

Il Referendum sul contratto della Mobilità/Area Attività Ferroviarie e Contratto Aziendale di Gruppo FSI si è concluso con un risultato positivo che supera tutte le aspettative.

Le Assemblee unitarie nei posti di lavoro sono state determinanti per il consolidamento degli elementi di conoscenza dei contenuti degli accordi e di valutazione degli stessi nel contesto generale della crisi.

La validazione referendaria del Contratto della Mobilità/Area delle Attività Ferroviarie e il Contratto aziendale FSI, ha consentito di verificare il largo consenso della categoria su accordi che contengono elementi di cambiamento insieme al rafforzamento delle tutele, come nel caso dei lavoratori degli appalti (riconoscimento diritti acquisiti nei casi di cambio appalto/subentro) e dei lavoratori del Gruppo FS (Comitato di Partecipazione, incremento del Welfare aziendale e incremento della Previdenza Complementare). Leggi il resto »

Gen 03

TAV Firenze: tocca al Ministero sciogliere il nodo

fosterLe FS vogliono mettere in funzione le nuove tecnologie nel nodo fiorentino, per dimostrare che la Foster non serve. Nel frattempo tutti fermi.

COMUNICATO STAMPA

“E’ stato il Ministero dei Trasporti, in un convegno organizzato dalla Regione Toscana a luglio scorso, a lanciare l’idea di un restyling al progetto TAV a Firenze, ora, anche alla luce delle recenti prese di posizione di Regione e Comune, tocca al Ministero sciogliere il nodo, mettendo FS davanti alle proprie responsabilità, richiamando tutti al rispetto degli accordi sottoscritti: realizzazione del tunnel e della stazione Foster.” A dirlo è il segretario generale della Fit-Cisl Toscana, Stefano Boni, che torna a prendere posizione sul nodo fiorentino dell’alta velocità ferroviaria. Leggi il resto »

Dic 28

Pistoia-Montecatini-Lucca: il tempo passa e il raddoppio tarda

serravalle_pistoiese_stazione_ferroviaria_masotti_24Boni: “Si sta perdendo tempo. Dire che nessuno deve metter fretta al Comune, dopo un dibattito durato 40 anni, fa sorridere.”

COMUNICATO STAMPA

“Che fine ha fatto il progetto alternativo al raddoppio ferroviario che il comune di Montecatini Terme aveva chiesto alle Ferrovie di presentare entro il 31 Ottobre ?” A domandarlo è il segretario generale della Fit-Cisl della Toscana, Stefano Boni.

“Siamo ormai alla fine di dicembre – dice Boni – e il dibattito sul raddoppio ferroviario Pistoia– Montecatini-Lucca è ancora incerto. I lavori del primo lotto, da Pistoia fino alle porte della stazione centrale di Montecatini Terme, stentano a procedere, mentre si susseguono le prese di posizione, sia dei comuni interessati che dei molti comitati, i quali, grazie alla preparazione e competenza, sembra abbiano sostituito le amministrazioni comunali sulle scelte infrastrutturali. Chiediamo che alla fine prevalga il bene comune e che senza perdere altro tempo e denaro si attuino i progetti già previsti (e finanziati con 200 milioni dal governo e 235 dalla Regione), che consentano di raddoppiare i binari fra Pistoia e Lucca e di eliminare, grazie a cavalcavia o sottopassaggi, tutti i passaggi a livello.” Leggi il resto »

Dic 21

Referendum sul CCNL dei Ferrovieri

referendumDopo la sigla dell’ipotesi di accordo del 16 dicembre 2016, i lavoratori saranno chiamati ad esprimere il proprio giudizio sui contenuti dell’intesa raggiunta
Le Segreterie Nazionali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl TAF, Orsa Ferrovie, Fast Mobilità, a seguito dell’identificazione dei testi del 16 dicembre 2017 ed in previsione della scadenza definita per la firma dell’ipotesi di accordo, indicono per i gg. 11-12-13-14
gennaio 2017 il Referendum tra tutti i dipendenti delle IF che applicano il Contratto delle Attività Ferroviarie e i ferrovieri sul Contratto Aziendale FS.

Il referendum sarà preceduto dalle assemblee in tutti i posti di lavoro che si terranno a partire dal giorno 21 dicembre 2016 e si protrarranno fino al giorno 13 gennaio 2017, anche in coincidenza con le operazioni di voto.

Con lo svolgimento del referendum si conferma nelle Attività Ferroviarie la forma democratica di validazione dei contratti che i ferrovieri hanno esercitato nei precedenti rinnovi aziendali.

Si sottopone al voto l’accordo sottoscritto con Federtrasporto ed FSI relativo al Contratto della Mobilità/Area Attività Ferroviarie ed il Contratto Aziendale FSI che rappresentano la realizzazione della rivendicazione sindacale contenuta in piattaforma, di un contratto da applicare a tutte le aziende ferroviarie attuali e a quelle future di attività di trasporto, di gestione dell’infrastruttura e di attività connesse.

Si tratta di un risultato di straordinaria importanza per la tutela del lavoro nel sistema liberalizzato, nella prospettiva delle gare che interesseranno il trasporto regionale e la messa sul mercato di quote del Gruppo FSI.

Le modalità di voto saranno le seguenti: Leggi il resto »

Dic 20

Rossella Tavolaro: “Finalmente istituzionalizzato il Gruppo Giovani”

Dic 20

Stefano Boni lancia il Congresso della FIT Regionale

Dic 20

Aumento medio 102 € con Ccnl settore e FSI [testi allegati]

firma-del-contratto-300x239“Un altro obiettivo strategico è raggiunto”, così Antonio Piras, Segretario generale della Fit-Cisl, commenta la firma dei rinnovi del contratto collettivo nazionale della Mobilità/Attività ferroviarie e del contratto aziendale di Ferrovie dello Stato Italiane.

“In particolare con il rinnovo del ccnl portiamo a casa tre risultati da noi fortemente perseguiti – prosegue Antonio Piras – Perché abbiamo esteso la previdenza integrativa a tutti i lavoratori, garantito ai lavoratori assunti prima del Jobs Act le tutele reali precedentemente vigenti e introdotto la sede di partecipazione e consultazione delle organizzazioni sindacali nelle scelte importanti delle aziende. È un bel regalo di Natale per gli 80mila lavoratori del settore, perché migliora le condizioni di lavoro e di sicurezza dei lavoratori e adegua i salari.

I rinnovi sono avvenuti senza fare un minuto di sciopero, il che lascia ben sperare per il futuro delle relazioni sindacali sia con Agens sia con il gruppo Fs”. Leggi il resto »

Dic 16

Firmato il CCNL dei ferrovieri

Al termine di un confronto durato nove mesi, nella mattinata di oggi è stata sottoscritta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL della Mobilità, area Attività Ferroviarie, nonché il Contratto Aziendale FSI, scaduti entrambi il 31.12.2014.

Il Contratto di Settore, che scadrà il 31 dicembre 2017, prevede un incremento retributivo a regime di 98 euro al parametro 129 (livello C1), che di fatto corrispondono a 102 euro sul livello medio, riconosciuto in tre tranches (40 euro retroattivi da novembre 2016, 30 da luglio 2017 e 28 euro da 1.12.2017), con un’indennità di vacanza contrattuale di 600 euro al livello C1. Sono previsti incrementi all’indennità per lavoro domenicale, fissata a 20 euro giornaliere, e all’indennità oraria per lavoro notturno che sarà pari a 2.40 euro. Leggi il resto »

Nov 29

Stazione Foster, fermando i lavori rischio cedimento

fosterRecce e Boni: Bisogna scavare anche il piano a -20 metri. Realizzare la stazione AV è l’unica soluzione possibile.

COMUNICATO STAMPA

“Bloccando ora i cantieri per la nuova stazione dell’alta velocità di Firenze si corre il rischio di un cedimento di tutta la struttura. I lavori vanno portati avanti e conclusi, che si scelga di realizzare il progetto originario o una versione più ‘leggera’ della Foster.” A dirlo sono il segretario generale aggiunto della Cisl Toscana, Ciro Recce e il segretario regionale Fit-Cisl, Stefano Boni.

“In base al progetto in corso di attuazione – spiegano – se ci si fermasse oggi, il primo piano a 10 metri di profondità che è stato già realizzato al grezzo, non potrebbe essere appesantito molto con altre costruzioni perché si correrebbe il rischio di cedimento. Leggi il resto »

Nov 16

Commissione Tecnica Manutenzione Rotabili

Manutenzione rotabili officina trenitaliaNella giornata del 15 novembre 2016, presso il Centro Studi Fit Cisl in Roma, si è riunita la Commissione Tecnica della Manutenzione Rotabili di Trenitalia.

L’incontro, molto partecipato, ha registrato la piena condivisione della posizione tenuta dalla Fit Cisl e dalle altre OO.SS. in merito all’attivazione delle procedure di raffreddamento per la definizione del CCNL e del C.A. Fs e per garantire le necessarie tutele al personale che deve transitare in Mercitalia ed al personale interessato da cambio appalto.

Nei numerosi interventi sono stati evidenziati elementi importanti che attengono al Piano d’Impresa della Società Trenitalia, su cui sono in corso incontri di approfondimento.

Dal dibattito è emersa la forte attenzione ai temi di scelta strategica per quanto riguarda i volumi di produzione e le attività in appalto, gli investimenti sugli impianti in funzione della collocazione del materiale rotabile e delle ricadute sul settore a seguito dell’entrata in servizio del nuovo materiale rotabile. Leggi il resto »

Post precedenti «